Elisa Tomellini, pianista e alpinista genovese, su un ghiacciaio del monte Rosa in Valle d'Aosta, ha suonato il suo piano. Il piano a coda è stato portato da un elicottero a 4460 metri di altezza. La Tomellini ha sfidato la natura e se stessa raggiungendo l'originale palcoscenico a piedi con un gruppo di alpinisti e tecnici audio e video che riprenderanno del vivola salita e il concerto.
La pianista classica e alpinista, coltiva da sempre il sogno di portare la musica colta fuori dalle consuete sale da concerto.

Concerto da record un sogno che diventa realtà active radio.

Elisa Tomellini fu apprezzata da celebri musicisti, vincitrice di premi internazionali e da sempre musicista atipica, ribelle ai dogmi e agli ambienti accademici. Ha vissuto in Valle d’Aosta, al Breuil per molti anni praticando l'arrampicata, lo sci, l'alpinismo e, da sola o in compagnia di amici guide alpine, ha viaggiato per il mondo per conoscere e scalare le montagne del sud America, degli Stati Uniti, del Nepal, del Nord Africa.

Tornata alla sua attività musicale, ha ripreso l’attività concertistica, ha registrato e tuttora sta registrando importanti dischi apprezzati dal pubblico e dalla critica. Collabora abitualmente con importanti personalità del mondo musicale e non solo. Elisa ha così unito le sue grandi: passioni la musica e la montagna.

 "Avevo molto freddo alle mani, ma non ci pensavo e muovevo le braccia. Il piano era un ghiacciolo. Devo dire che sono riuscita anche ad ispirarmi e a commuovermi e state certi che non dirò mai più che la sala è poco calda" ha dichiarato Elisa Tomellini.

Concerto da record un sogno che diventa realtà active radio

Elisa Tomellini fra i più brillanti talenti di questa eccezionale generazione di giovani pianisti. Genovese di nascita, ha cominciato lo studio del pianoforte all’età di cinque anni, a sedici anni è ammessa alla prestigiosa Accademia Incontri di Imola dove studia con importanti nomi. Ha seguito inoltre numerose master class, consegue il diploma, con il massimo dei voti e la lode, presso il Conservatorio G. Verdi di Milano nel 1997 e continua a perfezionarsi con Vincenzo Balzani, col quale amplierà il proprio repertorio e la tecnica strumentale.

EDITOR: Eufemia Telesca

Comment